02 Mar 2018

Alla scoperta di Nuova Delhi

India Nuova Delhi
Discovering Cities On the Road
 4     0    

Durata del viaggio 6 giorni

Periodo dell'anno febbraio

Range di spesa Da 1.000€ a 1.500€

Adatto a Avventurieri

Nuova Delhi è la capitale dell'India, una delle città più caotiche e complicate di tutto l'intero pianeta, spesso snobbata da buona parte dei turisti che atterrano e scappano velocemente alla ricerca di altri lidi indiani, quelli abbondantemente fotografati da tutte le guide turistiche ideali per chi è alla ricerca di qualcosa e che senza dubbio qui in India troverà.Dopo un arrivo rocambolesco a Delhi, nel cuore della notte anzi in realtà alle prime luci del nuovo giorno,mi sistemo in un piccolo hotel nel cuore del quartiere di Paharganj dove inizia la mia permanenza di più di 7 giorni,dopo i quali salutare Delhi sarà molto difficile. Nuova Delhi ha le contraddizioni di ogni città e la si potrà amare o odiare ma ci sono delle attrazioni da visitare assolutamente:

La città di Delhi si divide in una zona nuova ed una antica è proprio nella zona più antica che risiede una delle strutture architettoniche più belle di tutta l'India, il Forte Rosso, dichiarato patrimonio dell'Umanità Unesco,i lavori per la sua costruzione iniziano nel 1638 e nonostante sia stato colpito da un terremoto e da uno svariato numero di invasioni militari, il suo fascino rimane inalterato. Più piccolo rispetto al gemello forte Rosso di Agra ma ugualmente ben tenuto, il costo per l'ingresso è pari a 250 rupie, l'equivalente di circa 3 euro è possibile raggiungere il Forte anche in metropolitana partendo dalla stazione dei treni di Delhi,altrimenti per pochi spiccioli si può contrattare un passaggio in tuk tuk .
Praticamente di fronte al Forte Rosso di Delhi si trova il mercato più grande di Delhi il Chandni Chowk, un vero è proprio centro commerciale a cielo aperto un turbinio pazzesco tra esseri umani e animali. Qui si trova qualsiasi tipo di aggeggio elettronico originale o meno. Delhi nonostante l'elevato tasso di povertà che regna tra la sua gente è una delle destinazioni tecnologiche più importanti al mondo, qui nascono le cellule elettroniche di tutto quello che noi maneggiamo quotidianamente, come telefonini e pc. Tra questo groviglio interminabile di hi-tech si possono trovare oggetti votivi legati sopratutto alla religione induista, e deliziosi talismani portafortuna.
Sempre nel cuore della Old Delhi la moschea di Jama Masjid è la più grande d'India, un riferimento molto importante tra i mussulmani che abitano l'India.La sua struttura ricorda quella di Agra con i suoi marmi bianchi alternati a minareti fatti di arenaria rossa. L'ingresso è gratuito e consentito per tutto il giorno tranne che durante il momento della preghiera.
In Raipath Marg, abbastanza distante dalla Old Delhi, si trova uno dei simboli più famosi della città come anche di tutta l'India la Porta dell'India, alta 42 metri attrae sopratutto turisti desiderosi di scattarsi uno scatto di rito a simbolo del proprio passaggio in terra indiana. Questo bel monumento situato al termine di un lungo viale è stato costruito in memoria degli indiani morti durante la Prima Guerra Mondiale, intorno non c'è molto da fare o da vedere quindi la visita si può concludere in breve tempo.
L'India è un paese difficile da comprendere, non tutti ne colgono le peculiarità e sicuramente la maniera migliore per entrare in sintonia con questa terra sorprendente è mescolarsi con la sua gente,vivere la quotidianità dei suoi abitanti, sentire il respiro spirituale che vibra ovunque in India Delhi inclusa, nel bene e nel male anche nella capitale si vive la vera essenza dell'India.Il posto migliore per assaoporare tutto questo è il quartiere di Paharganj una città nella città dove risiedono le sistemazioni alberghiere più economiche della città qui si può dormire con meno di 10 euro a notte per camera doppia con bagno, mangiare abbondantemente con meno di 3 euro a persona e prendere un tè indiano su qualche terrazza panoramica della città, dove è meraviglioso godersi il tramonto. Una delle peculiarità di Paharganj sono i tantissimi piccoli negozi dove comprare di tutto sopratutto abbigliamento e articoli per l'escursionismo in montagna verso le zone nord del paese a ridosso con il Nepal. Un consiglio per chi come me ama gli abiti etnici ed in particolare i pantaloni sari  è quello di farne una bella scorta da portarsi a casa, perché i prezzi sono davvero bassi non solo rispetto a quelli che troverete in Italia, ma anche rispetto ad altri paesi asiatici, modelli unici e originali.Lo street food è eccezionale,i samosa,un fagottino ripieno di verdure e spezie fritto in olio bollente, così come gli Allo Tiki,polpette di verdure sempre fritte,sono da assaggiare assolutamente spesso vengono incartati in carta di giornale pronti da portare via e nonostante le condizioni igieniche lascino molto a desiderare io posso dire che, con qualche accortezza e scegliendo solo cibo cotto vi godrete l'India e in particolare Delhi anche dal punto di vista culinario.

Commenti (0)

Invia