Per molti stranieri l’Andalusia è la Spagna e la Spagna è l’Andalusia, terra di gitani e toreri, di sole e flamenco, di città d’arte e paesini senza tempo, abitati da gente dalle usanze esotiche... Tutti questi luoghi comuni hanno contribuito a creare un’immagine dell’Andalusia ben lontana dalla realtà. Che è quella di una terra molto complessa, dalla storia antichissima, che fu crogiolo delle civiltà più avanzate del mondo antico, crocevia di distinte culture e anche, per quanto sembri paradossale, terra di emigranti, di gente costretta a cercare altrove i propri mezzi di sussistenza. 

Da molto tempo sognavamo di fare un viaggio in Andalusia, una terra affascinante, la terra del sole e della luce e già in inverno mi sono messo al lavoro per organizzarlo. L’Andalusia rappresenta la propaggine più meridionale dell’Europa: dalla costa affacciata sul Mediterraneo si vedono già le montagne del Marocco. Il continente africano si trova proprio a un passo, e nello Stretto di Gibilterra dove faremo tappa questa distanza si riduce a soli 14 km. Non c’è quindi da meravigliarsi se a Siviglia si sono registrate le temperature più elevate d’Europa: addirittura 50° C. Nel pieno dell’estate, a mezzogiorno il sole è potentissimo, e la luce è assolutamente pura, africana. Il sole e la luce nella loro versione più limpida sono la condizione più normale per il cielo dell’Andalusia. Secondo le parole dello scrittore spagnolo Antonio Muñoz Molina, “gli antichi greci avevano collocato il giardino delle Esperidi in Andalusia, e sin dai tempi dei cronisti arabi fino agli ultimi viaggiatori romantici di oggi l’impressione di trovarsi in un giardino dell’Eden non è mai tramontata”. Qui tutto cresce e prospera, la varietà e la ricchezza della vegetazione subtropicale è impressionante, e l’agricoltura, grazie alle condizioni climatiche, riesce a produrre più raccolti durante l’anno. La cucina locale, che spesso utilizza ingredienti freschi del territorio, ne trae grandi vantaggi. Ho programmato tutto il viaggio prenotando online voli, hotels e spostamenti in bus che in Spagna sono confortevoli, rapidi e puntuali. (mi ero abbondantemente documentato in merito) Solo il tratto Cordoba-Siviglia l’ effettueremo in treno. Non amo guidare e poi viaggiando tra la gente si coglie la sua umanità e la sua cultura.

 

Le tappe del viaggio:

MALAGA-GRANADA-CORDOBA-SIVIGLIA-CADICE

TAPPA A GIBILTERRA

MALAGA-RONDA-MALAGA