tripfactor: Carlo Amato

segui   

20 Ago 2019

CASCATE DI KRKA-Croazia-2017

Croazia
 0     0    

Durata del viaggio

Periodo dell'anno

Range di spesa

Adatto a

Parco Nazionale del fiume Krka.

Il Parco, con una superficie di 10.900 ettari, protegge il tratto mediano e quello finale del fiume Krka di origine carsica che nasce nei pressi di Knin e lungo un percorso di 75 km all’ interno di un suggestivo canyon dopo aver formato le suggestive cascate di Rog e di Skradinski buk sfocia nella baia di Sebenico. In bus si arriva a Skradin dove  si prende un’imbarcazione per arrivare al parco nazionale. Le imbarcazioni partono ad ogni ora e ritornano dal parco nazionale ogni mezz’ora. Il viaggio in nave di sola andata da Skradin a Skradinski buk (parte meridionale del parco nazionale) dura 25 minuti e si naviga tra sponde di un verde lussureggiante. Dal luogo in cui approdano le imbarcazioni ci vuole un giro a piedi di 5 minuti per arrivare ai piedi delle cascate.

 Skradinski buk che scende da 45 mt di altezza con ben 17 balzi accanto ai quali si passa attraverso alcuni sentieri tra un turbinio di spruzzi: uno dei più grandiosi spettacoli ambientali naturali della Croazia.

Vediamo inoltre la ricostruzione di  un centro etnico con i mulini ad acqua ed una macina in funzione….per i turisti. Alcuni fanno anche il bagno ma l’ acqua è terribilmente fredda!

Altro giro che facciamo è quello che ci porta all’ isola di Visovac con annesso monastero francescano. Percorrendo un sentiero abbastanza scomodo per la presenza di un minuto pietrisco che immancabilmente si insinua nei miei sandali (in questo viaggio mi sono convinto ad usarli) raggiungiamo l’ imbarcadero distante 400 mt e con una confortevole imbarcazione pilotata da un simpatico personaggio raggiungiamo l’ isola  di proprietà della Chiesa cattolica che sorge lungo il corso inferiore del fiume Krka, tra le cascate di Rog e Skradinski buk. Prima di essere popolato, era solo una "roccia bianca" in mezzo al lago. Acquistò l'aspetto odierno grazie al lavoro dei frati, che bonificarono parti dell'isolotto e costruirono argini. In questo modo, Visovac si trasformò in "un piccolo paradiso terrestre".

A partire dai primi abitanti, gli eremiti di Sant'Agostino, che costruirono sulla roccia il monastero e la chiesetta, ogni successiva generazione eresse qualche nuovo elemento, ristrutturò le parti più antiche, trasformò o ricostruì dalle fondamenta ciò che guerre e calamità naturali avevano distrutto. Visovac è anche l'isolotto della Madonna della Pietà, uno dei molteplici santuari dedicati alla Vergine nella Repubblica di Croazia.

Torniamo all’ imbarcadero e poi al molo  prendiamo la motonave che ci porta a Skradin.

 0     0    

Commenti (0)

Invia