02 Ago 2018

Coimbra – La città cantata anche da Amalia Rodrigues

Portogallo Coimbra
 2     0    

Durata del viaggio 20 giorni

Periodo dell'anno agosto

Range di spesa Da 3.000€ a 3.500€

Adatto a Coppie

Coimbra – Celebre città universitaria sulla riva destra del fiume Mondego

 

 

http://viaggiandoineuropa.altervista.org/coimbra-portogallo-universita-mondego/

Introduzione

Coimbra è molto particolare e diversa dalle altre dalle altre città portoghesi, motivo in più per essere visitata  soggiornandovi  almeno un paio  di giorni, per godere in pieno anche la sua cucina, il  vino e la musica locale (Fado), diffusa in tutto  il mondo dalla splendida voce di Amalia Rodrigues.

Indubbiamente anch’essa ricca di storia, di architettura e di opere  d’arte in genere, quello che offre in più questa città e che incanta il turista, è l’atmosfera particolare che qui si respira; un’ atmosfera vivace e ricca di attrazioni, un atmosfera dovuta in gran parte all’esistenza della sua famosa ed antica università che attira studenti da tutto il Portogallo  e non solo.

Gli studenti cantano “Coimbra ha più fascino nell’ora dell’addio”: i turisti se ne innamorano e non vorrebbero più andarsene.

La presenza di questi numerosi studenti riesce a  influenzare, in modo significativo, la vita quotidiana della  città, con la loro mentalità, le loro manifestazioni, il rispetto per le tradizioni e non per l’ultima la diffusione di quella strana, ma interessante, anche se spesso triste, musica Fado.     Già l’origine del nome spiega tutto su questo stile di musica: derivando dal latino fatum (destino), essa si ispira al tipico sentimento portoghese della saudade e racconta temi di emigrazione, di separazione, dolore, sofferenza e di lontananza, in particolare questa  sentita fortemente dagli studenti che un tempo lasciavano le loro case per frequentare l’università.

 

                                                                   

Notizie  varie

Adagiata sulle rive del fiume Mondego,  Coimbra è suddivisa in tre parti: la città alta, medievale, caratterizzata da vie strette e tortuose; la città bassa, più recente, sulla riva del fiume, collegata alla prima da ripide scalinate; la città moderna, con vie ampie e ricca di verde.

A Coimbra si trova una delle più antiche università europee con circa 20.000 studenti, la cui storia si intreccia con quella della città e con la vicenda culturale portoghese; fino al 1910 quella di Coimbra fu infatti l’unica università del Paese.  Fu in realtà fondata a Lisbona nel 1290 e trasferita a Coimbra nel 1308. Più volte spostata tra le due città nei due secoli successivi, fu definitivamente spostata a Coimbra nel 1537. Da allora ha avuto fra i docenti i maggiori intellettuali ed artisti europei e questo le ha dato fama facendola assurgere a centro universitario di eccellenza.

Ecco cosa non perdere a Coimbra oltre la visita dei consueti monumenti: spendere una giornata intera soltanto passeggiando nel centro storico, prendendo un po’ di fresco in uno dei suoi eleganti giardini e concedendovi una crociera sul fiume; non mancate di assaggiare i pastéis de Santa Clara o le arrufadas, dolci tipici di Coimbra, in uno dei caffè della Baixa; una visita all’Università, possibilmente dialogando  con qualche studente, e qualche bicchiere di Porto in uno dei  vecchi, tipici locali con tavolini di marmo, ascoltando un po’ di Fado dal vivo.

In maggio si svolge la Queima das fitas, la maggiore festa studentesca d’Europa, in cui i laureandi, vestiti in abito tradizionale (capa e batina, cioè una finanziera e un mantello entrambi neri), bruciano il nastro che indica gli studi compiuti. Per questo evento, che si rinnova da più di cento anni e comprende concerti, sfilate di carri, balli e altri appuntamenti più o meno programmati, giungono a Coimbra decine di migliaia di giovani da tutto il Portogallo.

 

Un po’ di Storia

 

La sua storia secolare non ha intrappolato Coimbra in uno statico passato: il presente è vivace e ricco di fermenti culturali; edifici moderni come il Pólo II dell’Università, il ponte pedonale Pedro e Inês, il padiglione Centro de Portugal nel Parque Verde del Mondego sono l’orgoglio della Coimbra di oggi.

Fondata probabilmente dai Celti (Conimbriga, da briga, “fortezza”), divenne un importante centro militare sotto i Romani con il nome di Aeminium.  Fu quindi a lungo fortezza araba conquistata ai Mori da Ferdinando I il Grande. Nel 1139 divenendo la capitale del regno portoghese rimanendo tale fino al 1260.

in seguito uno dei principali focolai dell’opposizione al regime di Salazar Coimbra fu saccheggiata dai francesi nel 1810.

 

Visita della Città

LA VISITA DELLA CITTÀ SI SUDDIVIDE IN TRE PARTI: LA CITTÀ BASSA, LA CITTÀ VECCHIA E LA CITTÀ ALTA.

 

Album Fotografico

 

CITTÀ BASSA

Dopo una piccola passeggiata nella rua Ferreira Borges, per dare un’occhiata ai negozi e vecchi locali storici, si scende nella Praca do Comercio, centro commerciale della baixa (città bassa) ben fornita di locali dove poter mangiare.  Lunga e stretta, chiusa da alti edifici, questa piazza termina a sud con la chiesa di San Bartolomeo e a nord dalla chiesa di sao Tiago, che merita una visita per i suoi notevoli portali romanici.

Al termine della rua Ferreira, proseguendo nella rua Visconde, si arriva ad un’altra piazza caratteristica con una bella pavimentazione ed una fontana al centro, dove si trova la chiesa di santa Cruz, facente parte dell’omonimo monastero. Una visita all’interno è raccomandata, per le sue sculture,  l’organo e gli Azulejos che decorano le pareti dell’edificio.

Proprio attaccato al Monastero  di Santa Cruz, di cui una volta la struttura ne faceva parte, si trova il Caffè Santa Cruz, sicuramente il più accreditato per ascoltare musica Fado dal vivo, eseguita da grandi maestri della chitarra e dove si può gustare dell’ottimo vino portoghese.

Alla fine del tratto della rua Borges, sulla destra troviamo l’Arco de Almedina. Come indica il toponimo di origine araba dell’XI secolo che significa “la città”, questo arco faceva parte delle mura medievali. Oggi segna l’ingresso alla Coimbra antica.

CITTÀ ANTICA

Superato l’arco, cominciamo  a salire scalini e scalinate che ci portano nella parte vecchia e più alta della città, osservando tutt’intorno angoli caratteristici, negozi originali, locali tradizionali che conferiscono a Coimbra un’aspetto veramente unico rispetto alle altre città portoghesi. Così salendo arriviamo all’antica piazza dove si trova la Cattedrale Sé Velha.

L’antica Cattedrale, serrata e merlata come una fortezza, é tra i più notevoli edifici romanici del Portogallo.  qui si trovano i sepolcri di Alfonso I Henriques e del figlio Sancio I, i fondatori del regno portoghese.

Fiancheggiando  la piazza dove si trova la Cattedrale Vecchia, si continua ancora a salire fino ad arrivare nella  parte più alta della città dove si  trova la Nuova Cattedrale (Sé Nova) e l’Università.

CITTÀ ALTA

In questa parte di Coimbra ha sede la Cattedrale vera e propria, quella attuale, che non ha  un particolare interesse artistico come la Vecchia Cattedrale.

La Cattedrale del Santissimo Nome di Gesù a Coimbra è la chiesa madre della città portoghese, già capitale dello stato, motivo per il quale è generalmente chiamata Cattedrale nuova, in modo da distinguerla dalla Cattedrale vecchia che perse la sua originale funzione nel 1772.

Proseguendo sulla rua Sao Joao, in pochi  metri raggiungiamo una grande piazza da dove si  può accedere alla Università. Una visita di questo luogo è dovuta, in quanto è  stato in passato ed é ancora oggi l’elemento caratterizzante della vita cittadina.

Di notevole importanza sono la Cappella, il Patio das Escolas e la Biblioteca di una bellezza  questa veramente unica. E’ consigliabile visitare anche l’interno, con possibilità, oltre che ammirare le bellissime strutture, di osservare Coimbra dall’alto e poter dare uno sguardo alla magnifica aula dove vengono discusse le tesi  e consegnate le lauree (Aula delle Cerimonie): una struttura suggestiva di una bellezza unica.

Se ve ne capiterà l’opportunità, interessante sarebbe poter parlare con qualche studente che indossa la caratteristica cappa, per farsi spiegare i vari stemmi e simboli riportati su questo  indumento.

LA CUCINA DI COIMBRA

La cucina della città di Coimbra, così come la gastronomia di tutta la Regione di Centro, è sostanziosa: bistecche bovine e stufato sono i piatti tipici che potrete trovare nei menù di tutti i ristoranti che si trovano lungo le vie della città. Tuttavia, non essendo l’Oceano troppo lontano, ogni ristorante vanta tra le proprie prelibatezze anche piatti marinari e tra questi spiccano il merluzzo e le sardine. Tutti i piatti sono generalmente preparati in maniera semplice e accompagnati da uova o da verdure. Ricca è anche l’offerta di zuppe e di dolci. Inoltre, in questa regione, si produce uno dei migliori vini portoghesi, il Dagao, un rosso di medio corpo che ben accompagna i piatti di carne della cucina locale. Buona inoltre la produzione di frutta, di verdura e di formaggi, soprattutto quelli della Sierra de Estrela.

Da Coimbra si possono fare due bellissime, interessanti ed imperdibili escursioniAveiro, cittadina lagunare chiamata la Venezia portoghese, da cui dista circa 65 km (50 minuti di auto) ed Obidos, antico  e caratteristico piccolo borgo medievale ancora interamente circondato da una piccola cerchia muraria, da cui dista circa 130 km (un’ora e mezza di auto).

 2     0    

Commenti (0)

Invia