10 Apr 2020

Cosa fare a Panama city

Repubblica di Panamá Panamà
 1     0    

Durata del viaggio

Periodo dell'anno

Range di spesa

Adatto a

Panama city è la capitale del piccolo e verde stato di Panamà che per anni è stato menzionato quasi esclusivamente in riferimento alla sua natura di paradiso fiscale, nel quale facoltosi uomini d'affari arrivavano per depositare introiti da voler nascondere.
Ma Panama city è una grande città che per certi aspetti ricorda le grandi città americane con alti palazzi a specchi e negozi alla moda ma che al suo interno racchiude un'anima antica tutta da gustare che non è ancora stata invasa dal turismo di massa e nella quale perdersi. Ultimo e non di certo per importanza è la possibilità di immergersi nella lussureggiante foresta pluviale rimanendo praticamente in città.
Una permanenza nella città di Panamà può essere tranquillamente pari ad una settimana sopratutto se si vuole utilizzare questa come base per poi spostarsi nei dintorni, come a Miraflores,per vedere il famoso Canale di Panamà o prendere un traghetto per la vicina isola di Saboga.
Rimanendo entro l'area metropolitana di Panamà la prima cosa da fare è andare alla scoperta della sua città vecchia, il Casco Viejo, per arrivarci basta prendere la metropolitana cittadina e scendere alla stazione 5 de Mayo e proseguendo dritto su Avenida Central,si arriva nel cuore nevralgico della Panamà antica. La bellissima Plaza Central sembra un luogo senza tempo, qui ci sono un pò di panchine disposte sotto i grandi alberi che adornano la piazza dove sedersi per ammirare la chiesa di Santa Maria de Antigua, patrona di Panamà, l'edificio religioso più importante di tutta Panamà che anche Papa Francesco ha visitato durante la sua ultima visita nel paese.
Il Casco Viejo non è molto esteso e durante il periodo delle piogge non sono moltissimi i turisti ad arrivare da queste parti e questo può essere per chi lo visita un vantaggio, poiché il centro coloniale è silente e ci si può perdere tra i suoi vicoli,ammirando gli antichi palazzi coloniali che piano piano sono stati perfettamente ristrutturati. Passeggiando un pò senza meta all'interno del Casco Viejo e spostandosi in direzione del mare si arriva al Mirador di Panama city dove si può godere di un panorama bellissimo che spazia dai grattacieli della Panamà nuova alle isole della baia che distano poche ore di navigazione dalla città e che possono anche essere visitate in giornata,come ad esempio l'isola di Saboga.
Il lungomare di Panama si trova a ridosso di Avenida del Sur, una strada a scorrimento veloce molto trafficata, la passeggiata pedonale però è stata costruita da pochi anni e nonostante nelle ore di punta l'aria può essere un pò pesante per via dello smog fare una passeggiata è gradevole. Molti locali e runner scelgono questo lungomare sopratutto in concomitanza del tramonto quando lo spettacolo del sole che cala sul mare resta imperdibile. Molti uccelli hanno nidificato sugli alberi che sono stati piantati su questo ampio e lungo viale pedo ciclabile e non è raro vedere pellicani, tucani colorati e timidi scoiattoli fare capolino fra le fronde degli alberi.
La natura è uno degli elementi che più colpisce della città di Panamà non serve spostarsi di molto per immergersi nel silenzio degli alberi e con un pochino di fortuna incontrare uno degli animali più pacifici al mondo, il bradipo,che passa ore e ore in letargica sonnolenza. Il Parco Nazionale Metropolitano si trova ad una ventina di minuti a piedi dalla stazione dei bus di Albrook,raggiungibile praticamente da ogni angolo della città perché di qui partono ed arrivano tutti i bus che si muovono sul territorio nazionale e negli stati vicini come la Costa Rica.Questo Parco Nazionale ha un biglietto d'ingresso di soli 4 dollari e si visita con facilità in una mezza giornata sopratutto se qualche sentiero sia in manutenzione come spesso accade durante la stagione monsonica, al suo interno anche un simpatico giardino delle farfalle dove vivono esemplari coloratissimi.
Altrettanto interessante è la visita alla collina di Ancon, il punto più alto della città il cui percorso a piedi,partendo proprio da Casco Viejo,richiede almeno un paio di ore in andata ed altrettante per il ritorno, in alternativa si può optare per un taxi, che vi può condurre nei pressi dell'area parcheggio,dalla quale sarà necessaria circa un'oretta per giungere sulla cima oppure si può scegliere di prendere il bus turistico di colore rosso,disponibile in molte città,ideale per chi si ferma poco in città e vuole un'idea su cosa visitare.
La cima della collina di Ancon altro non è che un belvedere panoramico dove godere un bellissimo panorama della città sottostante circondati da alberi, uccelli e piccoli capibara ormai indifferenti alla presenza dei visitatori, per accedere alla collina di Ancon non è necessario un biglietto d'ingresso ma è utile portarsi dietro una bottiglia d'acqua visto che una volta arrivati al belvedere non ci sono bar o venditori dove acquistarla.
Prima di lasciare la città di Panamà consiglio una sosta ulteriore nei pressi del Casco Viejo più precisamente al Mirador de Las Americas dove tutti i giorni viene allestito un mercatino di prodotti realizzati e venduti direttamente dai Kuna, una comunità di Indios che ha scelto di vivere tra l'arcipelago delle San Blas,sempre in Panamà e alcuni territori della confinante Colombia.Le donne di questa etnia hanno la caratteristica di vestire con abiti colorati realizzati da loro stessi sovrapponendo strati di tessuto poi successivamente intagliato in modo da ottenere vere e proprie opere d'arte, ideali da acquistare come souvenir,a ricordo di una città che si sta facendo sempre più spazio tra le destinazioni del turismo internazionale.

Commenti (0)

Invia