tripfactor: Carlo Amato

segui   

20 Mar 2019

DEATH VALLEY

Stati Uniti d'America
 1     0    

Durata del viaggio

Periodo dell'anno settembre

Range di spesa

Adatto a Tutti

La lunga “Valle della Morte al confine tra California e Nevada, è una terra estrema che potrebbe figurare a buon diritto in un ipotetico libro dei primati.

La strada per la Death Valley è di una monotonia impareggiabile: lunghissimi rettilinei ondeggianti ed il paesaggio che scorre lateralmente incute quasi paura! Il deserto qui è presente in una forma però diversa da quello che tutti conosciamo: la sua bellezza spoglia colpisce soprattutto nelle colorate badlands, nelle dune di sabbia e nei prati di montagna disseminati di variopinti fiori selvatici. Terra degli estremi (86 metri sotto il livello del mare, il punto più basso di tutto il continente americano) la “Valle della morte” è uno dei luoghi più caldi del pianeta, in cui si registrano punte di 56° all’ ombra.

La nostra prima destinazione percorrendo la Big Pine Road costeggiando le Sand Dunes, è Furnace Creek, una straordinaria oasi verde nel deserto con tanto di museo all’ aperto che ospita vecchie diligenze, attrezzi varie di lavoro, una vecchia locomotiva ed altro ancora per testimoniare il periodo dei pionieri dell’ 800 che esplorarono queste zone desolate.

Continuiamo verso altri due luoghi spettacolari: lo Zabriskie Point, reso celebre dall’ omonimo film di Antonioni, e il Dante’s View, caratterizzato da un paesaggio infernale (da qui il nome).

Altra visita interessante è l’ Amargosa Opera House, il più piccolo teatro si può dire del mondo, sperduto nel deserto, che Marta Becket, ex ballerina,  nel 1968 iniziò a ristrutturare ed a decorare con murales di cui lei stessa era autrice, continuando il lavoro per circa 35 anni.

Il caldo è insopportabile ma per fortuna il clima è secco. Il refrigerio dell’ aria condizionata del pullman è una consolazione per tutti.  Proseguiamo verso sud est in direzione di Las Vegas dove arriveremo in serata. Ed è infatti quasi all’ imbrunire che arriviamo nella capitale del gioco d’ azzardo.

 1     0    

Commenti (0)

Invia