10 Feb 2019

Dubrovnik – La perla dell’Adriatico

Croazia Dubrovnik
Discovering Cities
 0     0    

Durata del viaggio 15 giorni

Periodo dell'anno luglio

Range di spesa Da 2.500€ a 3.000€

Adatto a Coppie

Dubrovnik – La Ragusa della Dalmazia

 

 

http://viaggiandoineuropa.altervista.org/dubrovnik-ragusa-croazia/

Impressioni

Quando si arriva dall’alto nella regione di Dubrovnik (l’antica Ragusa)si rimane colpiti dal meraviglioso paesaggio nel quale è inserita questa affascinante cittadina. Già famosa in tutto il mondo, grazie ad una serie televisiva americana, Trono di Spadeè esplosa turisticamente, tant’è che nei mesi di Luglio ed Agosto, assalita dai turisti, è praticamente impossibile riuscire a parcheggiare l’auto.

Se da un lato il mare è l’anima della città, il suo centro storico  è difficile da descrivere a parole. La pietra calcarea, bianca e lucida nelle strade, alcune sue particolari attrazioni e monumenti, le strutture architettoniche di evidente fattura veneziana, rimangono scolpiti nella mente di chi vede per la prima volta la città.

 

ALBUM FOTOGRAFICO

 Un po’ di Storia

La città nasce come un insediamento romano. Dal Medioevo in poi divenne preda ambita di potenti città come Venezia e imperi come quello Ottomano, che riconoscevano il valore strategico della sua posizione sul mare.

Dubrovnik ha sempre avuto una fiera tradizione di indipendenza mantenuta nel tempo grazie al suo coraggio, all’abilità politica ed importanza commerciale che sempre ha rivestito nei secoli, non per ultime la sua importante flotta navale e le sue potenti difese militari prime tra tutte le sue mura.

Il terremoto del 1667  fermò per un attimo il percorso storico della città, che tuttavia venne subito dopo ricostruita in stile Barocco.

Nel 1416 la repubblica di Ragusa fu il primo Stato europeo ad abolire la schiavitù e l’uso degli schiavi.

La prima fase del declino della città iniziò con la scoperta dell’America, nell’anno 1492, che escluse il Mediterraneo dalle principali rotte commerciali.

Durante la recente Guerra dei Balcani, le bellicose pretese dei Serbi causarono molte vittime e distrussero in parte anche il centro storico. Nonostante tutto, Ragusa è tornata a sorridere ed appare oggi straordinariamente intatta.

Le Mura Difensive

Due chilometri di percorrenza, sedici torri, quattro fortezze e un panorama da togliere il fiato. Queste sono le Mura Difensive della città.

Una vacanza a Dubrovnik comincia quasi sempre da qui, dalla cinta muraria che protegge tutto il centro storico patrimonio dell’Unesco.

La vista dei tetti permette anche di cogliere i segni dei bombardamenti subiti nei primi anni ’90 da parte dei Serbi. Per fortuna, le considerazioni sui “guasti” della guerra lasciano presto posto al meraviglioso panorama tutt’attorno. Il bellissimo centro storico visto dall’alto tagliato in due dallo Stradun, la fontana circolare di Onofrio ed anche la piccola isola di Lokrum, parco naturale di appena un chilometro quadrato, distante solo 700 metri dal porto di Dubrovnik.

Visita della città

Nello spazio relativamente ristretto del suo centro storico, si trovano concentrati palazzi, fontane e chiese in perfetto stile barocco veneziano. Tutti questi palazzi e monumenti  formano un patrimonio artistico di alto livello peraltro facilmente visitabile semplicemente passeggiando tra negozi, pub e ristoranti. Tutta la città vecchia è un vero gioiello sia dal punto di vista architettonico che da quello storico e culturale, ma anche per l’atmosfera vivace che vi si respira.

Zona Porta Pile

Una volta entrati nel centro storico, attraverso la porta principale di accesso Porta Pile, ci ritroviamo nella Poljana Paska Milecivica, la monumentale piazza dove al centro domina la Grande Fontana di Onofrio, costruita nel XV secolo allo scopo di rifornire l’acquedotto cittadino.

Oggi questo è uno dei principali punti di ritrovo per turisti e abitanti del posto, quasi sempre punto di partenza per la visita della città.

Zona Porta Ploce

Ma la parte più interessante della città storica, si trova nella parte opposta dello Stradun, nei pressi della Luza, ovvero la Piazza della Loggia. Qui sono concentrati i maggiori monumenti, palazzi e luoghi di culto. Tra tutti spicca la chiesa di san Biagio, patrono della città, in stile barocco veneziano. Al suo interno viene conservata una statua in argento raffigurante San Biagio che tiene in mano un modellino della città.

Rimanendo ancora nella Piazza della Loggia, troviamo il Palazzo dei Rettori, un tempo il più importante palazzo pubblico in quanto sede del Governo cittadino, il Palazzo Sponza uno dei pochissimi edifici ad essere uscito indenne dal terremoto del 1667, sede dell’antica dogana, e la Piccola Fontana d’Onofrio che serviva a rifornire di acqua il Mercato di Piazzo della Loggia.

Altre Attrazioni della Città

Ma le attrazioni della città non sono solo architettura e edifici storici. Anche i vicoli e le stradine, che si dipartono dallo Stradun, fanno parte dell’interesse turistico forse alla pari dei suoi monumenti.  Sono ricche di locali e pub, sempre affollati di turisti. Le ripide scalinate ci conducono nelle zone alte della città dalla quali si può ammirare il centro storico da un’altra prospettiva.

La visita della città non può però dirsi completata, senza essersi concessi una passeggiata intorno alla Stara Luka, il porto vecchio, dove una volta, nell’antico arsenale oggi ristorante, si costruivano e riparavano le Galee dello stato.

Il miglior modo per dare il saluto alla città, prima di ripartire per altre mete, è quello di godersi, almeno una volta, il centro storico di notte, dopo la calura pomeridiana, in piena rilassatezza, passeggiando tranquillamente alla ricerca del pub o ristorante preferito, respirando un’atmosfera completamente diversa.

 0     0    

Commenti (0)

Invia