27 Feb 2019

Durazzo la città albanese dalle tante sorprese

Albania
 1     0    

Durata del viaggio 3 giorni

Periodo dell'anno maggio

Range di spesa Da 200€ a 300€

Adatto a Tutti

Probabilmente sono in molti ad aver sentito parlare di Durazzo in riferimento al suo grande porto commerciale e turistico che è stato per molti anni la porta di congiunzione tra Italia e Albania. La città di Durazzo però,proprio a causa di questa sua fama di città portuale,suscita ben poco l'interesse dei visitatori che la raggiungono solo per spostarsi velocemente verse le località costiere del sud che,negli ultimi anni,sono diventate mete molto richieste da chi cerca un mare spettacolare.

Purtroppo questo è davvero un peccato perché,Durazzo è una cittadina molto interessante, seconda città in ordine d'importanza dopo la capitale Tirana,con diversi siti storici da visitare, un bellissimo lungomare,e tantissimi ristoranti dove mangiare divinamente pesce o piatti internazionali.

Il mare antistante il lungomare della città non è pulitissimo o perlomeno non paragonabile ad altre cittadine albanesi, ma la passeggiata,sopratutto al tramonto,è molto piacevole. Moltissimi abitanti sembrano ignorare il flusso turistico sempre in aumento, continuando a vivere nell'unica maniera che conoscono, quella semplice,che li vede seduti alla banchina intenti a giocare a scacchi o con una canna da pesca nelle mani mentre aspettano che qualche pesciolino abbocchi.

Durazzo è suddivisa in due parti abbastanza distinte,una nei pressi della stazione dei bus da dove si possono raggiungere diverse zone del piccolo stato dell'Albania, la capitale Tirana inclusa.Questa zona della città non offre quasi nulla da visitare a meno che non si voglia trascorrere il tempo in quale piccolo centro commerciale,le strade qui sono abbastanza sconnesse e non sempre è possibile camminare sul marciapiede, un gran trambusto e moltissime agenzie turistiche nelle quali acquistare biglietti per i traghetti verso la Grecia o l'Italia,o semplicemente tour alla scoperta dell'Albania. Però tutto questo disordine è allegro e come spesso accade mette più a suo agio di un finto ed apparente ordine delle cose.

Con un passeggiata di soli 20 minuti si arriva in Rruga Tefta Tasko Koço, la via che raggiunge perpendicolarmente il porto di Durazzo. Trovare questo bellissimo viale adornato da palme è semplice anche senza l'ausilio di una cartina, basta affidarsi  alle indicazioni dei locali che conoscono alla perfezione questo nuova via dello shopping  e della quale sono anche molto orgogliosi.Arrivando in via Rruga ci si accorge subito che qui suona tutta un'altra musica, negozi alla moda, ristoranti moderni e tantissime alte palme sono lo scenario perfetto di quella che è considerata la via del commercio per antonomasia di Durazzo. Molti hotel sono sorti proprio qui ed alcuni di essi,come il Jolly Hotel,di recente nascita offre camere doppie a partire dai 35 euro a notte con colazione affacciate proprio sul bellissimo corso.

Ma se la modernità sta diventando il motore precursore di tutta la città di Durazzo che in alcuni punti è un cantiere aperto,proprio per creare piste ciclabili e pedonali, nuovi centri commerciali e hotel/ristoranti che possano soddisfare tutte l'esigenze del visitatore, Durazzo custodisce un'anima antica davvero interessante a pochi passi dal porto cittadino. Un esempio archeologico assolutamente da visitare è l'anfiteatro di Durazzo, il cui restauro è stato sostenuto dal Ministero Estero Italiano, che grazie a lavori minuziosi ha portato alla luce reperti tra il IV al V secolo. In epoca alto Medioevo quest'anfiteatro era utilizzato per le sepolture,successivamente diventa un insediamento abitativo con botteghe di antichi mestieri. La visita è consentita dalle 9 della mattina alle 6 di sera e generalmente è chiuso il lunedì, il costo del biglietto è 200 Lek meno di 2 euro. Carina anche la passeggiata intorno all'anfiteatro dove sbucano spesso bellissimi micetti che gradiranno qualche croccantino che spero, ogni viaggiatore porti nelle sue tasche qualsiasi sia il posto da visitare.

Altro edificio storico importante che attrarrà la vostra attenzione è la Moschea di Fatih, costruita nel 1502 su antiche rovine di una basilica medievale, il suo stile è semplice e minimale, la struttura è conservata perfettamente e sarà difficile non scorgere il suo minareto anche a distanza. La sua collocazione è adiacente alle Mura Veneziane e al vecchio castello di Durazzo che oggi è adibito semplicemente a locale turistico dove molti giovani si radunano per bere drink ed ascoltare musica ma che mette in evidenza come la città un tempo avesse un compito importante per commerci e difesa del territorio.

Durazzo con tutte le sue peculiarità ed anche con la possibilità di trascorrere giornate di relax tra passeggiate e cibo che  risente anche della gustosissima influenza greca,deve essere di diritto inserita in uno dei tanti itinerari da fare in Albania.

Commenti (0)

Invia