19 Mar 2019

L'aspetto culinario di Taipei, la capitale asiatica per veri appassionati di street food

Taiwan Taipei
 1     0    

Durata del viaggio 7 giorni

Periodo dell'anno gennaio

Range di spesa Da 500€ a 1.000€

Adatto a Tutti

L'abitudine di intrattenersi a mangiare nei mercati popolari è una delle tradizioni asiatiche che più mi è cara, una maniera davvero divertente e irrinunciabile non solo per chi desidera entrare a contatto con la tradizione variegata della cucina asiatica, ma anche per vivere la popolazione, quindi il modo migliore per conoscere un posto.

Taipei è una delle città meno battute dai turisti internazionali, italiani in maniera particolari, che in più di un'occasione e come purtroppo spesso accade,mi hanno chiesto non solo dove fosse ubicata geograficamente Taipei ma come mai io decidessi di fare tanta strada per andare fin laggiù. Taiwan è uno stato piccolo e verdissimo che conserva ancora intatte le sue tradizioni tra cui anche quelle gastronomiche. I mercati notturni sono una vera e propria istituzione per la città,ce ne sono sparsi un pò ovunque su tutta l'estesa area metropolitana ed alcuni di essi sono delle piccole città nella città, un susseguirsi di profumi e colori inebrianti.

Il Raohe Street market situato nel Songshan district è facilmente raggiungibile da ogni angolo della città se si utilizza la rete metropolitana, ovvero la linea verde con fermata Songshan uscita numero 4. Nel tardo pomeriggio le bancarelle cominciano ad allestire i loro banchetti nei quali preparano,molto spesso al momento, le loro prelibatezze che possono piacere o meno, ma che sono sicuramente pietanze da assaggiare.

Gli appassionati ai piatti a base di carne non rimarranno delusi da questo mercato. Quasi all'ingresso di questo mercato, arrivando dalla metropolitana, si trova uno degli stand più importanti del mercato, che vede  in una perfetta esibizione, la rapidità con la quale una vera e propria catena di montaggio prepara i Gua Bao, piccoli panini rotondi cotti al vapore e poi passati alla piastra,riempiti di carne e spezie, venduti per meno di 2 euro da mangiare ancora fumanti, esiste anche una versione vegetariana in giro per Taipei ma,purtroppo per me,non al Raohe Market,purtroppo se si arriva troppo tardi può essere necessario fare una lunga fila per mangiare questi fagottini ripieni.Sempre super affollata tanto da essere necessario prendere il numero, è lo stand per acquistare il pollo fritto, piccoli pezzetti di carne impanati con un retrogusto di piccante.Ma anche gli appassionati di pesce non rimarranno delusi dal Raohe market, tra spiedini, frittura di calamari e pezzi di sushi preparati al momento c'è solo l'imbarazzo della scelta.

In effetti però,se siete vegetariani come me e non avete voglia di abbuffarvi di Stinky Tofu, pezzetti di tofu fermentato e poi fritto,il cui odore può farvi desistere dalla voglia di provarlo ma che non è male,se mangiato in piccole dosi, potete sbizzarrirvi con frullati di mango od altra frutta fresca buonissima oppure mangiare le Egg Tarts, piccole crostatine di origine portoghese, che sono arrivate qui dalla vicina Hong Kong,la loro peculiarità è quella di avere un ripieno di crema pasticcera cotta al forno.Esiste anche una sorta di versione dolce dei Gua Bao, con un ripieno a base di pasta di fagioli rossi che, a dispetto di quello che si possa pensare, è molto gustosa con la consistenza di una confettura classica, ma con un potere altamente saziante.

Infine ricordate di essere a Taiwan qui la bevanda nazionale è il Bubble Tea, un tè, meglio se verde,con palline di tapioca che sta davvero spopolando anche in Italia, una bevanda che ha un altro potere rinfrescante e fortemente energizzante, ideale per andare alla scoperta del mondo.

 

Commenti (0)

Invia