Chiara Buttironi

segui   

23 Giu 2020

MAURITIUS: perchè andarci in vacanza coi bambini

Mauritius
Holidays with Children
 3     0    

Durata del viaggio 1 giorno

Periodo dell'anno giugno

Range di spesa Da 1.000€ a 1.500€

Adatto a Famiglia

PERCHE' ABBIAMO SCELTO MAURITIUS COME META DELLA NOSTRA VACANZA CON LA NOSTRA BIMBA?

Tante sono le ragioni, una tra queste è che Mauritius è un'isola che si presta ad accontentare davvero tutti i gusti, soprattutto quelli dei bambini. Vi racconto in breve le nostre motivazioni, poi più dettagliatamente solo quando l'avrò vissuta:
1- il jet lag, lo scompenso dovuto al fuso orario, è praticamente inesistente perchè Mauritius è avanti rispetto all'Italia solo di due ore durante la nostra estate, mentre di tre durante il nostro inverno. Quindi se, come nel nostro caso, optate per un volo serale, il problema è risolto.

2- non sono richieste vaccinazioni di alcun tipo e il clima è ottimo tutto l'anno: più umido durante il nostro inverno, mentre più secco nella nostra estate.

3- è un'isola con un ecosistema molto particolare, immersa nel verde e piena zeppa di attrazioni a misura di bambino: il giardino botanico di Pamplemousse che raccoglie una vasta selezione di straordinari rappresentanti delle specie di piante e fiori tropicali come palme rare, fiori di enormi dimensioni, piante di spezie, bambù dorati e alberi della gomma; per non parlare delle ninfee. Qui si possono trovare anche le tartarugone giganti provenienti dalle Seychelles e i cervi. Noi oltre a questo giardino visiteremo La Vanilla Park dove vedremo coccodrilli che sono i protagonisti di questo parco dal tipico profumo di vaniglia, come dal nome che porta. Ci sono però anche scimmie, tartarughe giganti, rettili, cervi avvolti in un'atmosfera tropicale. Inoltre per gli amanti del genere, al Casela Park è possibile fare un piccolo safari per vedere gli animali della foresta, passeggiare coi leoni e tante altre attrazioni;

4- possibilità di fare snorkelìng ovunque e di fare il bagno coi delfini, esperienza che per un bambino, credo non abbia prezzo;

5-inutile dire spiagge e mare stupendi, il che per loro è una pacchia; volendo ci si può spostare su una delle isole di Mauritius (Isola dei Cervi, Gabriel, ecc..) per godersi il mare e il relax da una prospettiva diversa;

6- possibilità di fare un piccolo trekking alle Sette Cascate e tuffarsi a fare il bagno sotto una cascata, appunto; dirigersi poi verso le Terre dei Sette Colori formatesi grazie ad un fenomeno geologico molto particolare di origine vulcanica dove si sono intrecciate terre di sette colori diversi;

7- Mauritius è un melting pot di culture diverse che convivono armoniosamente: visitando i templi, perchè a Mauritius c'è anche quest'aspetto spirituale, bello mostrare ai bimbi che si può vivere nello stesso posto in maniera pacifica pur appartenendo a culture o religioni differenti dalla propria. Visto il periodo che stiamo vivendo, direi che sia un bell'esempio al positivo, di ciò che le persone potrebbero essere capaci di fare se soltanto lo volessero e avessero a cuore di più i valori interiori di quelli economici.

Già avere ben 7 punti a favore per un bambino non è poco, ma ce n'è anche per noi adulti: oltre a quanto descritto sopra c'è la possibilità di visitare qualche mercato locale, fare il faticoso trekking sul Monte Brabant da cui si gode una vista da spettacolo: le foto che vedo in internet sembrano prese da un satellite tanto sono belle e a particolari, visitare almeno una casa coloniale con la ruhmerie annessa, percorrere la via del tè a chi interessa, e vedere la zona di Mauritius con le spiagge più aspre e selvagge e il mare più aggressivo.
Ma se si vuole qualcosa di un pò più culturale visitando la capitale Port Louis si possono abbinare dei siti storici rappresentativi come La Cittadella, l'antica fortezza arroccata sulla collina della città che offre una vista incredibile sul porto. Inoltre Aapravasi Ghat, Patrimonio Mondiale Unesco, che permette di comprendere il percorso coloniale dell'isola attraverso la dolorosa storia dei lavoratori indiani a contratto, che qui venivano radunati dopo il loro ingresso a Mauritius.

^^^unico neo le ore di volo: 11 diretto da Milano Malpensa; con scalo a Roma diventano 13; se fate scalo a Parigi o Londra anche 15. Non proprio pochissimo!!
A parte questa piccola seccatura, come vedete la meta è davvero allettante, quindi cosa aspettare? A noi mancano ormai pochissimi giorni e poi finalmente potremo ritornare a racconatrvi la nostra personale esperienza.

COME CI SIAMO ORGANIZZATI
* Avendo una bambina, abbiamo preferito andare sul sicuro quindi abbiamo prenotato con la nostra agenzia di fiducia il volo e il pernottamento in ALL-INC presso il Casuarina Resort: non il classico villaggione del secolo, ma una sistemazione più spartana seppure accogliente e con i requisiti minimi che noi cerchiamo: camera e soprattutto bagno privato, pulizia, cucina buona. E' un resort un pò più internazionale dove non troveremo tanti italiani e quindi non ci sembrerà di essere tanto a casa come spesso capita all'interno dei villaggi turistici. Ha la spiaggia non direttamente sul mare ma bisogna attraversare una strada, inconveniente secondo me superabile se poi penso che si trova in uno dei punti mare più belli di Mauritius: Trou aux Biches.
* Questo tipo di sistemazione più semplice in cui c'è anche poca animazione serale ma che per me è solo un valore aggiunto, ci ha permesso di fare tutte le escursioni secondo i nostri gusti con una guida locale tutta per noi che si è data da fare fin da subito ad aiutarci nella stesura del nostro programma con una disponibilità incredibile e una rara affidabilità (lascerò poi i riferimenti sotto) facendoci tra l'altro spendere la metà rispetto al tour operator con il quale non avremmo comunque fatto tutto ciò che avevamo in mente, ma solo ciò che loro prevedevano.

Grazie a Zig Zag Viaggi (http://www.zigzag.it/) in particolare a Serena che ha curato tutta la parte burocratica ed è riuscita a scovarci questa sistemazione per noi ottimale per risparmiare senza perdere la qualità.

Grazie alla guida locale Prakash Isram, che trovate tranquillamente su Tripadvisor con ottime recensioni, che ci ha aiutato a organizzare il nostro tour sull'isola secondo i nostri gusti e suggerendoci anche alcune chicche speciali (http://www.ecotourismmauritius.com/): sul suo sito trovate anche indirizzo e numero di telefono per comunicazioni WhatsApp.

 

Chiara Buttironi

segui   
 3     0    

Commenti (0)

Invia