04 Apr 2017

Nello stretto del Bosforo a Istanbul!

Turchia Istanbul
Bosforo
 3     1    

Durata del viaggio 1 giorno

Periodo dell'anno gennaio

Range di spesa Da 0€ a 100€

Adatto a Famiglia

Sarà che a Istanbul c'è tutto e ci sono tutti: colori, volti, culture, arte, spezie. Ci sono stata tre vikte e oer tre volte mi sono sentita carica, viva e piena di brio. Istanbul ti affascina per i suoi contorni: i minareti delle moschee spiccano altissimi, li vedi da ogni punto della città e al tramonto tolgono il fiato. Ho scelto di affittare un appartamento tramite Booking.it: delizioso, vicino al centro e proprietario acogliente.
Le meraviglie di Istanbul sono piuttosto note: la Moschea Blu con le sue ceramiche di Izmir, Santa Sofia con i mosaii che hanno fatto storia, il Palazzo Topkapi che conserva uno dei diamanti più grandi, la Cisterna BAsilica con la leggendaria Medusa rovesciata...
Ma per me il fascino lo si trova al Bazar: spezie e colori sono lì ad aspettarti per ricordarti che Istanbul è anche oriente, che le spezie arrivano dall'Asia, ma che se preferisci puoi prendere un caffè, un fortissimo caffè turco, per sentirti un pò più a casa.
Istanbul è anche in quei traghetti che attraversano il Bosforo: avanti e indietro tra Europa e Asia , da prenderne uno solo per il gusto di vedere la città da lontano. In ogni angolo di strada si è attirati da profumi di dolci, pesce e poi ancora spezie: è così Itanbul, caotica, colorata, ma tutto è al suo posto allo stesso tempo.
Amo perdermi per quella città! Ho trovato sempre persone accoglienti, ma è poi vero che spesso a me basta un sorriso per rispondere con la stessa moneta e ricordarmi della fortuna che possiede chi può vedere il mondo.
Istanbul è divertimento e shopping, purtroppo le recenti cronache ne hanno sconvolto l'andamento, ma Istanbul è viva. Ristoranti affollati, musicisti e clienti pronti a ballare. Non si può stare fermi!
Lo shopping lo trovi al Bazar certamente: tessuti colorati e raffinati, soprattutto per le sciarpe, e gioielli in argento. Il Bazar è talmente grande che all'interno ha i cartelli per orientarti, puoi davvero perderti per ore nelle vie interne stipate di borsette, sciarpe e lampade!
Per il cibo si resta sempre soddisfatti; la cucina è piuttosto varia, dal pesce fresco nei ristoranti con terrazze alle pannocchie di granturco arrostite per strada. I dolcetti sono squisiti, molti con i canditi accompagnati da un buon thé. A Istanbul ho riscoperto il Kebab: è sottile, è piccolo e con dentro l'essenziale per sentire tutti i sapori. L'ultima volta a Istanbul, nel 2015, mi è sembrato che i prezzi siano un pò saliti rispetto alla mia prima visita nel 2010 soprattutto per i luoghi-attrazioni turistiche, ma nel complesso è una città che offre tante opzioni, situazioni , per tutte le tasche!
Per arrivare: aeroporto Ataturk vicino al centro città, ma i voli Lowcost arrivano al Sabina Goceck nella parte asiatica. Ci sono pullman che ogni 30 minuti portano nella centralissima Piazza Taksim.

Commenti (0)

Invia