30 Apr 2016

Tasmania: viaggio nell’Australia meno conosciuta

Australia Tasmania
 5     5    

Durata del viaggio 1 giorno

Periodo dell'anno gennaio

Range di spesa Da 0€ a 100€

Adatto a Famiglia

In questi ultimi anni sarà per via della crisi sarà per la possibilità di viaggiare a costi più bassi, ma l'Australia è tra i continenti più gettonati tra le mete di vacanza o speranza (aggiungerei).

Questo continente che come estensione è grande quanto l'intera Europa - e qualcosina in più ha quel fascino di selvaggio e pericoloso che fa sognare le nostre menti. Confesso che in questa descrizione rientra anche la mia idea iniziale e reale di quella terra cosi lontana ed insolita.

Pochi però sanno che all'Australia è annessa anche quell'isola semi triangolare posta a sud est del Mainland, ovvero l'isola maggiore che tutti conosciamo.

Questa prende il nome di #Tasmania, dal navigatore olandese Abel Tasman che nel XXVIII fu il primo a scoprirla. Solo nel secolo successivo però venne circumnavigata dimostrando cosi che si tratta di un'isola a tutti gli effetti.

Famosa in tutto il mondo per due animali unici nel loro genere, il diavolo e il tilacino (più comunemente conosciuta come la tigre, ormai estinta), milioni di turisti all'anno visitano quest'isola andando alla scoperta del diavolo che è diventato simbolo di questo territorio.

Ma non è l'unica attrazione. Ciò che affascina di questo sta nella sua incontaminata bellezza paesaggistica mischiata ad una realtà turistica, ma soprattutto contadina.

Oserei affermare che è un chiaro esempio di come uomo e natura possono convivere nel rispetto l'uno dell'altra.

COSA VEDERE?

La Tasmania è formata per la maggior parte da parchi naturali, da spiagge paradisiache e da promontori con viste spettacolari. Un'alternarsi di colori dati da fattori di vario genere e da spazi liberi che lasciano spesso senza parole.

Per me è stato un tuffo nel vuoto: abituata alla comodità del tutto, trovarmi a dover percorrere strade sterrate immerse nel "Bush" (fitta foresta in italiano) circondata solo da animali selvaggi e non nulla è stata un'esperienza unica.

Non solo la natura però regala questa atmosfera quasi da film di Steven Spielberg. L'isola è infatti la grande risorsa primaria dell'Australia. Qui è possibile conoscere ed aver un rapporto stretto con tutto ciò che riguarda la coltivazione, la produzione e l'amore per il territorio, per la maggior parte organico.

Da Sud - zona con la maggior produzione di prodotti da frutto - a Nord - conosciuta per i numerosi allevamenti - passando per il Centro - ricco di aziende vinicole. Nella costa orientale è possibile degustare prodotti locali e imparare tecniche nuove che vanno dall'artigianato alla cucina alla coltivazione.

Partendo da Sud troviamo Hobart, la capitale della Tasmania, sede portuale. Ricca di negozi, bar e attrattive turistiche come musei - tra cui il più famoso, il MONA Museum, galleria a tema aborigeno e non, regala quel fascino di vecchia città con un pizzico di modernità dettato dalla notevole presenza di giovani stranier e locali.

Da qui in poco più di due ore e mezza si può raggiungere l'altra grande città del Nord, Launceston, più moderna e bizzarra dove locali, buon cibo e divertimento non mancano.

Tra queste due vi è uno spettacolo di spiagge e di località tipicamente coloniali che rendono il viaggio più divertente grazie alle loro curiosità storiche e paesaggistiche.

QUANTO SI SPENDE NELL'ISOLA?

Quando mi son spostata a Melbourne ho compreso che la vita in generale in Tasmania ha un costo più basso rispetto al resto delle regioni australiane.

La cosa che più mi è piaciuta è il costo della benzina che è assai meno cara rispetto al Mainland. Punto a favore se si vuole noleggiare un'auto durante la propria permanenza.

In generale, il costo della vita in Tasmania si avvicina a quello italiano, se non per prodotti d'importazione che per ovvi motivi hanno un prezzo leggermente superiore.

QUANDO ANDARCI?

Essendo a Sud del mondo, a poche miglia dal Circolo Polare Antartico, si può ben comprendere come gli inverni siano rigidi e piovosi. Neve spesso e in abbondanza, ma il suo fascino non viene a mancare tanto meno con l'arrivo della primavera e dell'estate, torrida e secca.

Per godere al meglio consiglio i mesi che vanno da ottobre a maggio, dove è possibile aver accesso a qualunque escursione e visitare al meglio ogni angolo dell'isola. In questo periodo poi è anche visibile l'aurora australe. Se vi trovate nella zona di Hobart, è assai probabile vederla.

COME RAGGIUNGERLA

La Tasmania è raggiungibile facilmente sia via mare sia in aereo. Voli da Sydney, Brisbane e Melbourne sono frequenti e i costi molto inferiori rispetto al traghetto "Spirit of Tasmania". Comodo però quest'ultimo se siete auto muniti. Consiglio nel caso di prenotarlo anticipatamente in quanto è molto affollato.

Tutti i voli diretti a Launceston o Hobart e le compagnie più gettonate di volo sono Tiger, Virginia, Jestar.

La facilità di raggiungere la Tasmania è assai evidente. Grazie anche a quest'isola ed alle sue caratteristiche si può affermare che l'Australia è un continente unico nel suo essere.

La Tasmania è qualcosa di non comune. Vi stupirete ma me lo confermerete se vi dico che il suo lato cosi selvaggio, solitario, diverso rende il viaggio più curioso e ricco di emozioni mai provate.

QUALCHE CURIOSITA' ED INFORMAZIONE:

- Come in tutta l'Australia anche in Tasmania vi sono animali pericolosi. La stagione dei serpenti inizia ad Ottobre e finisce ad Aprile. Se vi trovate in percorsi non battuti, assicuratevi di aver stivali alti o pantaloni lunghi. Di sicuro però non sono grandi e pericolosi come nel resto delle zone. Prestate comunque attenzione.

- Se passate per Geeveston (Sud-Ovest), fermatevi al parco. Famoso per essere la casa dell'ornitorinco. Se sarete bravi e silenziosi, avrete la fortuna di vederli, cosa assai rara.

- Non solo nelle regioni più fredde è possibile provare lo sled-dog: vi è una famiglia che è la prima in Tasmania ad avere come membri di casa 18 husky.

Commenti (0)

Invia